Archesis.it

Blog di design e cose di casa

Sei qui: Home » Come ristrutturare una cucina

Come ristrutturare una cucina

Sarà capitato a molti di trovarsi di fronte all’esigenza – o al desiderio, perché no – di ristrutturare alcuni ambienti della propria abitazione ma non sapere poi come procedere nella pratica. Certo, per il lavoro effettivo è sempre meglio affidarsi a professionisti competenti, ma in questo momento stiamo ragionando in termini di pianificazione, di progettazione del nuovo ambiente. Per esempio, la cucina. Un luogo fondamentale all’interno del nostro appartamento, uno di quelli in cui dobbiamo tendenzialmente passare parecchio tempo anche solo per necessità, e che deve coniugare i nostri gusti personali con le necessità.

Proviamo a vedere quali sono le direttive, o per meglio dire i consigli, che sarebbe utile seguire per ristrutturare al meglio la nostra cucina. Come abbiamo detto, dovremo tenere conto di due fattori alla base di qualsiasi procedimento. Sicuramente da una parte sarà sacrosanto dare ascolto al personale gusto estetico, ma dall’altra le nostre preferenze dovranno trovare il modo di unirsi a dovere con l’utilità finale, lo scopo, dell’ambiente in questione.

A chi affidarsi e quali sono i primi passi

Il primo passo per qualsiasi lavoro di costruzione o ristrutturazione è senza dubbio quello di fare affidamento su esperti del settore: realtà come Vanoncini.it sapranno esserci d’aiuto in due modi. Prima di tutto per quanto riguarda la consulenza specializzati, nel caso in cui avessimo bisogno di consigli sui lavori da effettuare ecco che questi arriverebbero da un team di professionisti a noi dedicato. In secondo luogo, nel momento in cui andremo ad agire nella pratica: se dobbiamo acquistare materiale edile, ecco che aziende come questa sapranno aiutarci nuovamente grazie al vasto catalogo di prodotti che possiedono.

Poste queste basi, andiamo a vedere quali sono i passi principali da seguire per la ristrutturazione della nostra cucina. Il punto di partenza sarà sicuramente l’esecuzione di un rilievo del luogo, e al tempo stesso dovremo porre l’attenzione sullo studio dello spazio. Il rilievo dell’ambiente dovrà essere quanto più preciso e dettagliato possibile, e sarà utilissimo per cominciare a prefigurarci in mente l’ambiente che verrà: eventuali sporgenze, possibili aperture di porte e finestre, i luoghi ideali nei quali vorremmo posizionare gli attacchi del gas e dell’acqua e così via. Si tratta davvero di un passo fondamentale, anche perché dovremo essere bravi a far coesistere tutti questi elementi necessari con quelli di arredamento che invece andremo a scegliere.

Un secondo passaggio assolutamente necessario, prima di iniziare qualsiasi operazione e lavoro, è il seguente: la definizione di un budget. Bisogna sempre porsi un massimale, capire quanto abbiamo intenzione o possibilità di spendere all’incirca e qual è invece la soglia oltre la quale proprio non bisogna andare. In questo modo sarà ovviamente più semplice capire quanto e come potremo intervenire sulla nostra cucina. Chiaramente la soluzione più semplice, se non dovessimo badare a spese, sarebbe quella di cambiare tutto completamente. Ma non sempre questo è possibile, ed ecco perché la definizione di un budget è così importante.

Come gestire lo spazio

Passiamo adesso ai punti successivi, superate queste fasi. Tutto verterà ora sull’utilizzo ottimale dello spazio e quindi sulle modalità di distribuzione degli oggetti al suo interno. Quel che dobbiamo fare, inizialmente nella nostra mente per poi spostare il progetto sulla carta ed infine realizzarlo concretamente, è trovare la conformazione ideale per la nostra cucina. Ecco perché era così cruciale il primo punto, al quale adesso ci ricollegheremo per porre tutti gli elementi di nostro gradimento (piano cottura, ripiani, forno e quant’altro) di modo da non far coincidere gli spazi con quelli dedicati alle aperture o agli attacchi e prese.

L’ultimo passo per questa iniziale predisposizione mentale della nostra cucina è, semplicemente, il suggerimento a curare al massimo ogni dettaglio ed ogni aspetto del locale. Proprio perché finora si è trattato soltanto di un progetto di massima, adesso giunge il momento di dare una vera personalità all’ambiente, arredandolo e rifornendolo degli oggetti nei quali più ci rispecchiamo e che sentiamo maggiormente utili alla nostra causa o piacevoli alla vista. Non si parla soltanto degli elettrodomestici ma anche della scelta di tutti gli altri materiali, dei dettagli, delle maniglie… Un universo in cui sbizzarrirci!

Francesca D'Angelo

Torna in alto