Archesis.it

Blog di design e cose di casa

Come ampliare la casa

Un sistema rapido ed economico

Se hai una casa singola, tutta tua e magari anche contornata da un ampio spazio verde, sei un fortunato certamente rispetto a chi abita in un piccolo appartamento di qualche anonimo condominio, magari anche di quei condomini dove la convivenza non è facile, tra rumori e vari olezzi ed odori di cucine etniche che agli italiani in genere non sono molto graditi. La tua casa, invece, è tranquilla, i tuoi figli hanno il loro spazio par giocare anche all’aperto e tu hai spazi per accogliere gli amici e trascorrere con loro ore liete, al fresco serale delle serate estive. Tutto perfetto, vero ma ad un certo punto sorge la necessità di recuperare uno spazio abitativo in più, i figli crescono ed aumentano le loro esigenze.

Ricavare una stanza in più o uno spazio da adibire a “sala giochi” dove i tuoi figli possano divertirsi con i loro amici anche nelle fredde giornate invernali, senza la necessità di andare in giro in locali dove, comunque non sarebbero ugualmente liberi di fare ciò che vogliono, non potrebbero giocare a ciò che desiderano o ascoltare la loro musica preferita, chiacchierare nel frastuono della musica ad alto volume, insomma uno spazio in più costituisce una maggiore fruibilità della casa e tu sei più tranquillo sapendo che i figli non sono in giro chissà dove, chissà con chi.

Come ampliare la casa

Non è affatto facile ampliare la tua casa, la burocrazia pone dei limiti notevoli e le pratiche per ottenere le autorizzazioni sono parecchio complicate e richiedono tempi di una certa entità. Occorre un progetto fatto da un professionista abilitato e i costi salgono, a volte presentandosi superiori al materiale stesso necessario all’ampliamento. Si tratta, tra l’altro, in fase progettuale, di scegliere i materiali da utilizzare e a questo proposito si apre il problema della scelta: in muratura classica, prefabbricato, in mattoni o in cemento?

Una possibilità in più è da considerare: l’architettura americana. Se non la conosci, la puoi vedere nelle tante trasmissioni in TV dove si vedono realizzare in America ristrutturazioni di case; si tratta di un ampio utilizzo del legno, in pratica tutta la struttura è realizzata in travi di legno, in un mirabile lavoro di carpenteria in legno, semplicemente ricoprendo la struttura realizzata con pannelli di cartongesso se in interno o materiali adatti all’esterno negli altri casi.

Con questa soluzione la costruzione è rapida, economica e oltretutto, essendo il legno un materiale elastico, anche con un’elevata resistenza ad eventuali sollecitazioni sismiche che in un Paese con molte aree ad elevato rischio sismico non è un vantaggio trascurabile. In Italia la costruzione edile è ancora legata al tradizionale mattone ma questa modalità comporta tempi relativamente lunghi anche per costruzioni di una certa modestia e tempi lunghi significano anche un elevato costo di manodopera che talvolta eguaglia o anche supera il costo materiale. Ciò che si realizza in Italia con l’edilizia tradizionale si realizza in America in tempi ristrettissimi.

Qualcuno ricorderà la trasmissione Extreme Makeover Home Edition nella versione americana. In questa trasmissione la produzione agiva in favore di famiglie in stato di bisogno, abitanti in case fatiscenti, pericolose, malsane. In una settimana/dieci giorni al massimo, una nutrita schiera di operai riuscivano a demolire parzialmente la casa e ricostruirla in maniera perfetta, ristrutturandola completamente con il metodo dell’architettura americana.

In Italia una simile azione avrebbe richiesto almeno diversi mesi di lavoro con costi insostenibili dalla Produzione e costringendo le famiglie interessate ad un lungo allontanamento dalla casa, in permanenza eccessivamente prolungate in qualche sistemazione alternativa. In America le famiglie interessate venivano inviate in vacanza per una settimana e al ritorno rientravano in una casa completamente rinnovata, sicura, sana, un’utopia per gli italiani. Se devi ampliare la tua casa, perché non considerare questa possibilità?

Francesca D'Angelo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto